Access point raspberry wifi

Realizza il tuo access point raspberry wifi utilizzando una chiavetta wifi e il software hostapd in pochi minuti:

 access point raspberry

nei precedenti articoli hai visto come configurare la tua chiavetta usb wifi e farla riconoscere alla raspberry per collegare la schedina ad una rete wifi già esistente.

Ma se volessi collegarti via wifi alla tua raspberry in assenza di una rete wifi esistente?

Il software open-source hostapd ti permette di realizzare un access point raspberry a cui collegarti con il tuo Pc/Mac/Smatphoe/Tablet e su cui configuare l’interfaccia web per controllare la raspberry ( lo spiegerò in un prossimo articolo ).

Software necessario per realizzare l’access point raspberry

Si tratta di tutti software open-source che puoi installare con il solito apt-get e sono:

  • hostapd
  • dhcp3-server
  • sysklogd

Inizia l’installazione.

Installa il primo software dell’elenco per costruire l’access point raspberry:

#> apt-get install hostapd

vedrai una schermata simile alla seguente:

 access point raspberry hostapd

avrai notato che prima di installarlo ho eseguito una ricerca del pacchetto per verificare che il nome non fosse differente da quello indicato.

Procedi con l’installazione del dhcpd ossia il demone che farà da dhcp server e ti permetterà di assegnare degli indirizzi ip in modo automatico a ciascun client ( pc,Mac,smartphone o tablet ) che si collegherà all’ access point raspberry:

#> apt-get install dhcp3-server

la schemata che ottieni è simile alla seguente:

 access point raspberry wifi

avrai notato degli errori alla fine dell’installazione, sono causati dal tentativo del pacchetto di far partire il software dhcpd, manca ancora il sysklogd e questo causa l’errore che visualizzi.

Installa sysklogd sul’ access point raspberry:

#> apt-get install sysklogd

la schermata è simile alla seguente:

 access point raspberry sysklogd

prima di avviare tutti i software è necessario configurarli.

Configurare l’ access point raspberry wifi

Inizia con la configurazione della scheda di rete, rispetto alla configurazione che hai eseguito per usare la raspberry wifi come client di una wifi esistente dovrai modificare il file: /etc/network/interfaces in questo modo:

# Used by ifup(8) and ifdown(8). See the interfaces(5) manpage or
# /usr/share/doc/ifupdown/examples for more information.

auto lo
auto eth0
auto wlan1

iface lo inet loopback
iface eth0 inet dhcp

iface wlan1 inet static
	address 192.168.1.1
        netmask 255.255.255.0

in cui l’interfaccia di rete wlan1 ha una propria configurazione IP 192.168.1.1 ed una maschera di rete 255.255.255.0, non mi dilungo su cosa siano quei numeri e come puoi costruire la tua rete, rimandandoti ai migliaia di articoli dedicati alle reti casalinghe.

Configura il server dhcpd modificando il file contenuto nel path: /etc/dhcp/dhcpd.conf

ddns-update-style none;
default-lease-time 600;
max-lease-time 7200;
log-facility local7;

subnet 192.168.1.0 netmask 255.255.255.0 {
  range 192.168.1.2 192.168.1.5;
  option domain-name-servers 192.168.1.1, 8.8.8.8, 8.8.4.4;
  option routers 192.168.1.1;
  option broadcast-address 192.168.1.255;
  default-lease-time 600;
  max-lease-time 7200;
}

in cui ti invito a soffermarti sulle linee:

subnet 192.168.1.0 netmask 255.255.255.0 {
  range 192.168.1.2 192.168.1.5;
  option domain-name-servers 192.168.1.1, 8.8.8.8, 8.8.4.4;
  option routers 192.168.1.1;
  option broadcast-address 192.168.1.255;
  default-lease-time 600;
  max-lease-time 7200;
}

con cui definisci la rete per la quale vuoi che siano gestiti gli IP, nell’esempio la rete 192.168.1.0 ( nota la netmask identica a quella configurata sull’interfaccia di rete ) e il range in cui indichi al DHCP di poter rilasciare solo 4 indirizzi dal .2 al .5 ( questo ti limita il numero di client connessi contemporaneamente ).

L’opzione routers indica al client chi sarà il gateway per cui inserisci in questo campo il valore IP definito sull’interfaccia wlan1.

Per le altre opzioni ti rimando alla wiki del software dhcp su debian in quanto le opzioni che puoi utilizzare sono molteplici e puoi personalizzarlo anche oltre le informazioni riportate nella mia configurazione.

L’ultimo file da configurare è /etc/hostapd/hostapd.conf come segue:

interface=wlan1
driver=nl80211
ssid=[il_tuo_ssid]
channel=1
hw_mode=g
macaddr_acl=0
auth_algs=1
ignore_broadcast_ssid=0
wpa=2
wpa_passphrase=[la_tua_passkey]
wpa_key_mgmt=WPA-PSK
wpa_pairwise=CCMP

anche questa configurazione necessita di alcune personalizzazioni, al posto di:

ssid=[il_tuo_ssid]

inserisci il nome che vuoi dare alla tua rete, io l’ho chiamata “raspbian”, e sostituisci il valore del parametro:

wpa_passphrase=[la_tua_passkey]

con la password che vuoi per il tuo acces point raspberry.

Avvio dei servizi e dell’access point

Conclusa la configurazione puoi avviare i servizi in ordine dhcpd e hostapd:

#> /etc/init.d/isc-dhcp-server start

#> /etc/init.d/hostapd start

l’avvio del dhcp produce una schermata simile:

access point raspberrry dhcpd

Collegati al tuo access point raspberry

Puoi ora andare sul tuo pc ed eseguire uno scan delle reti visibili, io l’ho eseguito dal mio Mac:

access point raspberry network client

la rete appena creata è visibile e puoi accedervi selezionandola ed inserendo la password che hai definito al paragrafo precedente.

Sei ora connesso via wifi alla raspberry pi.

Buon lavoro !!!

Prima di inserire un commento, per favore, leggi il regolamento

Permanent link to this article: https://www.mauroalfieri.it/informatica/access-point-raspberry-wifi.html

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.