«

»

Feb 06

Stampa Articolo

10 modi per danneggiare arduino

10 modi per danneggiare arduino è una rivisitazione di un articolo che ho trovato in rete e reputo molto interessante.

10 modi per danneggiare arduino

Spesso mi arrivano commenti nel blog di appassionati che mi espongono i loro progetti per chiedermi se l’operazione o lo schema da realizzare possa danneggiare arduino.

Come mi accorgo che arduino è danneggiato?

Se nel trasferire il tuo sketch su arduino ricevi un messaggio simile al seguente: programmer not in sync è molto probabile che il tuo arduino sia danneggiato.

La certezza la puoi avere solo eseguendo una serie di test elettronici e software che escudano la possibilità che arduino sia danneggiato.

10 modi per danneggiare arduino

Premetto che il mio non è un suggerimento a seguire uno, o tutti, questi metodi ma l’invito a NON farlo e tenerti il tuo arduino intatto.

Considera questa guida, come l’originale, un vademecum di cose da NON FARE.

Primo metodo

Se nel tuo circuito hai un pin in uscita ( OUTPUT ) connesso al pin Gnd in modo diretto, senza componenti quali resistenze e led, ed imposti via codice il pin ad HIGH il tuo arduino si danneggia.

metodo uno

Perchè succede

accade perchè i pin di arduino erogano al massimo 40mA e la connessione a Gnd costringe il pin ad erogare fino ad oltre 200mA causando la rottura del pin

Secondo metodo

Se metti in cortocircuito due pin impostati entrambi come uscite ( OUTPUT ) e dal tuo sketch imposti entrambi i pin ad HIGH crei un sovraccarico di corrente, simile a quanto successo per il primo metodo:

secondo metodo

Perché succede

la corrente attraversa il microcontrollore e raggiunge il Gnd internamente causando lo stesso sovraccarico di richiesta di corrente visto nel primo metodo e danneggiando entrambi i pin.

Terzo metodo

Applicando una tensione superiore ai 5,5v ad un pin arduino danneggi il pin corrispondente:

Terzo metodo

Perché succede

accade in quanto il datasheet dell’ATmega328 prevede un “ESD protection diode built-in to the microcontroller” ossia un diodo di protezione che per piccoli intervalli di tempo sopperisce all’eccesso di tensione applicata al pin.

Prolungare il tempo in cui su un pin fai confluire una tensione superiore ai 5,5v causa il danneggiamento del pin stesso.

ATTENZIONE:se il pin si danneggia la tensione raggiunte il +5v del microcontrollore danneggiandolo interamente e sopratutto essendo connesso al +5v della porta USB potrebbe crearti danni anche al computer connesso.

Quarto metodo

Alimenti arduino attraverso il pin Vin ma inverti la polarità tra Vin e Gnd.

Come sai il pin Vin è connesso al pin centrale del connettore per alimentatore presente su arduino, tuttavia nessuno ti vieta di alimentare arduino attraverso il pin Vin e non dal connettore esterno.

Tuttavia se usi questo metodo e non fai attenzione alla polarità danneggi l’arduino.

Quarto metodo

Perché succede

Il circuito di stabilizzazione di arduino, che si occupa di trasformare i voltaggi superiori ai 5v in 5v per alimentare l’ATmega328 è connesso direttamente al Vin mentre il connettore esterno passa prima da un circuito di protezione dall’inversione di polarità.

Quindi se colleghi un alimentatore esterno con il +5v ed il Gnd invertiti il circuito di protezione interviene evitando di danneggiare l’ATmega328, se alimenti arduino dal pin Vin questo circuito è escluso.

Quinto metodo

Se alimenti arduino direttamente dal pin 5v ed applichi una tensione superiore ai 5v danneggi irreparabilmente l’ATmega328 e potresti danneggiare anche tutti i componenti connessi, incluso la porta USB:

Quinto metodo

Perché succede

nella figura sopra vedi che il pin +5v è connesso direttamente all’alimentazione dell’ATmega328 che non accetta tensioni superiori ai 5v

Sesto metodo

Applicando una tensione superiore ai 3,3v al pin 3,3v di arduino rischi di danneggiare le shield che hai collegato ad arduino che utilizzano i 3,3v per la propria alimentazione ( es RTC Shield ) e che non sono protette da tensioni maggiori.

Sesto metodo

Inoltre se applichi 9v sul pin 3,3v, erroneamente, danneggi il convertitore di tensione presente sulla scheda e rischi che la tensione raggiunga la porta USB del Pc danneggiandolo.

Perché succede

il pin 3,3v si arduino è collegato direttamente al circuito di stabilizzatione a 3,3v e non possiede alcun circuito di protezione.

Settimo metodo

Se alimenti arduino attraverso il connettore esterno e metti in corto il pin Vin con il pin Gnd od in alternativa richiedi una corrente elevata al pin Vin per alimentarci un motore o un attuatore che richiede correnti elevate danneggi l’arduino.

Settimo metodo

Perché succede

un cortocircuito o una richiesta elevata di corrente sul pin Vin causa un sovraccarico del diodo di protezione ( D1 ) e delle piste che connettono l’alimentazione esterna al pin Vin. Non essendo dotato di un circuito che limita la corrente le piste o il diodo si danneggiano.

Ottavo metodo

Se alimenti arduino attraverso il pin +5v e contemporaneamente hai un circuito connesso al Vin di arduino danneggi arduino:

Ottavo metodo

Perché succede

Non essendo dotato di un circuito di un circuito contro l’inversione di polarità il pin Vin se un circuito richiede alimentazione sul pin Vin il flusso di alimentazione attraversa il circuito di stabilizzazione a 5v al contrario, vedi figura, causandone la rottura.

Nono metodo

Se applichi più di 13v ( >13v ) al pin di reset danneggi l’ATmega328:

Nono metodo

Perché succede

Il pin di reset di arduino è connesso direttamente al pin reset dell’ATmega 328 che ha una tolleranza di 13v per cui se applichi una tensione >13v al pin RESET questo danneggia arduino.

Decimo metodo

Richiedendo una corrente totale superiore ai 20mA attraverso 10 o più pin arduino danneggi l’ATmega328:

Decimo metodo

Perché succede

ciascun pin arduino può erogare, secondo il datasheet dell’ATmega328, 40mA ma la corrente totale erogabile per lo stesso ATmega328 è di 200mA totali per cui se 10 pin richiedono contemporaneamente 30mA la corrente totale erogata è pari a 300mA con conseguente rottura dell’ATmega328.

Ora conosci almeno 10 cose non da NON fare con il tuo arduino per garantirgli una lunga vita 🙂

Buona sperimentazione !!!

Permalink link a questo articolo: http://www.mauroalfieri.it/elettronica/10-modi-per-danneggiare-arduino.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>