Sostiture l’HDD con un SDD – MacBook

Ho letto un interessante articolo sulleperformance dei nuovi HardDisco allo stato solido ( SDD ) e mi ha incuriosito al punto da volerne provare uno sul mio MacBook.

OCZ Vertex3 240GB

In particolare un articolo diceva pressappoco così:

… nessuna altra modifica hardware migliorerà le preformance del tuo computer come un ssd …

Siccome la citazione non proviene dal blod di un produttore o di un rivenditore, ma di un appassionato come te e me, ho scandagliato la rete alla ricerca di un modello di buone prestazioni e non eccessivamente costoso, quest’ultima è stata una parte difficile, purtroppo costano ancora molto ma ne vale di certo la spesa.

Prima di acquistarlo ho cercato qualche tutorial o video che mi mostrasse come sostituirlo nel mio MacBook, purtroppo non sono stato fortunato e non ho trovato un video in cui la sostituzione di un SDD riguardasse un MacBook (Late 2008) come il mio.

Mi sono armato di cacciavite, torks, e pinza ed ho sperimentato … come al solito in questi casi.

Il risultato è il video che puoi vedere, prima di acquistarlo:

E’ molto semplice da sostituire, basta che tu abbia un po’ di dimestichezza con gli atrezzi e nessuna fretta di completare il lavoro, la calma è la virtù dei tecnici hardware 🙂 o almeno penso.

In un prossimo articolo potrai leggere e vedere come ho migrato Lion dal vecchio HDD al nuovo SDD, risparmiandoti la seccatura di reinstallare tutto.

Puoi cogliere l’occasione per installare una nuova e pulita versione del sistema operativo, ma potresti non averne voglia.

Le performance sono impressionanti, da circa un minuto per avviare il Mac a soli 8″, e non solo in avvio le performance sono migliorate in tutte le operazioni di uso quotidiano.

Buon divertimento.

Prima di inserire un commento, per favore, leggi il regolamento

Permanent link to this article: https://www.mauroalfieri.it/informatica/sostiture-lhdd-con-un-sdd-macbook.html

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.