«

»

Gen 29

Stampa Articolo

Luxmetro WiFi WeMos D1

Luxmetro WiFi WeMos D1 di Stefano Maiocchi è un progetto presentato ad oltre un anno di distanza.

Luxmetro WiFi WeMos D1 mini

Fonte: github di Stefano Maiocchi

Probabilmente hai già letto i due articoli dedicati ai progetti di Stefano:

Robot segui linea di Stefano Maiocchi

ed il successivo:

 

Cannone laser di Stefano Maiocchi – introduzione

da questo secondo progetto Stefano ti propone un luxmetro, in cui la parte principale del progetto è l’utilizzo della modalità Access Point  (AP) della WeMos D1 mini.

L’esigenza di Stefano

Avevo bisogno di un luxmetro per esterni per misurare l’intensità luminosa del sole da usare in fase di collaudo degli impianti a pannelli solari fotovoltaici.

Da buon maker ho deciso di autocostruirl utilizzando il trasduttore MAX44009 con fondo-scala di 188000 lux, quindi è perfetto per il mio uso.

Descrizione del Luxmetro WiFi WeMos D1 

Come puoi vedere nella foto in alto, il circuito utilizza un minuscolo display OLED racchiuso in un piccolo contenitore plastico.

L’alimentazione la puoi realizzare con power bank.

Questo luxmetro puoi tenerlo in casa, al fresco e all’ombra, e posizionare solo il trasduttore di luce  fuori dalla finestra, il collegamento tra il MAX44009 e la WeMos D1 è ottenuto mediante un sottile cavetto telefonico da quattro fili.

L’intensità luminosa misurata in lux appare sul display OLED e può essere visualizzata su di uno smartphone, in mobilità, collegato in WiFi alla scheda WeMos D1 mini in modalità AP così da poter funzionare in modo autonomo anche in assenza di un WiFi casalingo.

Elenco del materiale usato per il luximetro Wifi WeMos D1

Ecco l’elenco dei componenti necessari per realizzare il Luxmetro WiFi WeMos D1 di Stefano:

  • WeMos D1 mini (scheda basata su ESP-8266)
  • WeMos OLED Shield (64×48 pixel 0,66 pollici, I2C)
  • MAX44009 (sensore di luce ambiente 188000 lux, I2C)
  • Contenitore in ABS nero 58x35x18
  • Contatti a saldare pin strip maschio lunghi passo 2,54 mm e femmina
  • Basetta millefori
  • Cavetto telefonico a 4 fili

WeMos OLED Shield funziona a 3,3 V e usa il bus I2C, invece la scheda del trasduttore di luce MAX44009 funziona a 5 V ed è dotata di stabilizzatore di tensione e convertitori di livello 5-3,3 V in quanto il trasduttore lavora a 3,3 V.

Sensore luminosità MAX44009

Fonte: github di Stafano Maiocchi

Per programmare la scheda WeMos D1 mini puoi utilizzare l’IDE di Arduino e in Board Manager (Gestore schede) ho usato la versione 2.0.0 di “esp8266 by ESP8266 Community”.

lo schema dei collegamenti del 

Luxmetro WiFi WeMos schema

Fonte: github di Stefano Maiocchi

Lo sketch Luxmetro WiFi WeMos D1

Lo sketch del Luxmetro WiFi WeMos D1 è molto semplice, è ben commentato, pertanto richiede poche spiegazioni:

// Luxmetro WiFi   by Stefano Maiocchi - Vigevano (PV)
// Usa WeMos D1 mini basata su ESP-8266
// Usa WeMos OLED Shield 64x48 pixel 0,66 pollici  interfaccia I2C
// Usa il sensore di luce MAX44009 range:0-188000 lux  interfaccia: I2C
// Crea un Access Point WiFi e lo usa come Web Server
// Vai a http://192.168.4.1 in un browser su un dispositivo connesso a
// questo Accesso Point per vederlo
 
#include <ESP8266WiFi.h>
#include <WiFiClient.h> 
#include <ESP8266WebServer.h>

#include <Wire.h>           // Display e sensore luce usano I2C
#include <SFE_MicroOLED.h>  // Libreria usata dal display
#include <MAX44009.h>       // Libreria usata dal sensore di luce

const char *ssid = "LUXMETRO";   // nome dell'Access Point
//const char *password = "lux";  // eventuale password

#define PIN_RESET 255       // usato dal display
#define DC_JUMPER 0         // indirizzo I2C display : 0 = 0x3C, 1 = 0x3D

ESP8266WebServer server(80);              // Dichiarazione AP WebServer
MicroOLED oled(PIN_RESET, DC_JUMPER);     // Dichiarazione display
MAX44009 light;                           // Dichiarazione sensore luce


// Crea la stringa HTML per il browser
void invialux() {
  String valorelux = "<h1>LUX : <b>";
  valorelux += String(int(light.get_lux()));
  valorelux += "</b></h1>";
  server.send(200, "text/html", "<h1>LUXMETRO</h1>" + valorelux );
}

int middleX = oled.getLCDWidth() / 2;     // Centro orizzontale display

void setup()
{
  oled.begin();      // Inizializza display
  oled.clear(ALL);   // Pulisce memoria display
  light.begin();     // Inizializza sensore luce

  WiFi.softAP(ssid);             // Crea Access Point senza password
//  WiFi.softAP(ssid, password); // se usi la password aggiungi il parametro password
  server.begin();                // Avvia il server
}
 
void loop()
{
  server.handleClient();
  server.on("/", invialux); // invia la stringa HTML per il browser
  oled.clear(PAGE);         // Pulisce pagina display
  oled.line(0,0,63,0);      // Disegna bordo superiore
  oled.line(63,0,63,47);    // Disegna bordo destro
  oled.line(63,47,0,47);    // Disegna bordo inferiore
  oled.line(0,47,0,0);      // Disegna bordo sinistro
  oled.setFontType(1);      // Uso font tipo 1 8x16
  oled.setCursor(20,5);     // Posiziona cursore in alto e semicentrato
  oled.print("LUX");        // Scrive il testo LUX
                            // Posiziona cursore in terza linea e centrato
  oled.setCursor((middleX - (oled.getFontWidth()*(String(int(light.get_lux())).length()/2))-2), 26);
  oled.print(int(light.get_lux()));    // Scrive il valore intero di luce espresso in lux
  oled.display();           // Aggiorna il display 
  delay(1000);              // Pausa 1 secondo
}

In particolare Stefano pone l’attenzione sulla funzione invialux() che descrive come segue:

crea la stringa HTML per il browser. Si tratta di una semplicissima pagina web scritta in html

riprendendo questa funzione con il classico stile del blog che leggi da sempre posso dirti che:

linee 09-11: includono le librerie relative alla connessione WiFi da parte dell’ESP8266;

linee 13-15: includi le libreria necessarie alla comunicazione con il sensore di luce, il MAX44009 e la libreria SFE_MicroOLED.h per il controllo del display;

alle linee 29-34 definisci la funzione invialux():

void invialux() {
  String valorelux = "<h1>LUX : <b>";
  valorelux += String(int(light.get_lux()));
  valorelux += "</b></h1>";
  server.send(200, "text/html", "<h1>LUXMETRO</h1>" + valorelux );
}

linea 30: crea una stringa valorelux il cui contenuto è un Tag html di tipo H1 che contine la parola “LUX:” scritta come titolo1 cioè con carattere grande

linea 31: concatena alla stringa principale il valore letto dalla sonda grazie al metodo .get_lux();

linea 32: chiudi il tag H1 aperto alla linea 30;

linea 33: usa il metodo .send dell’istanza server per inviare al client, lo smartphone, header e contenuto della pagina, in particolare 200 è il messaggio http che indica al client che la risposta del server è positiva e contine ela stringa che hai composto: <h1>LUX : <b> + String(int(light.get_lux())) + </b></h1> ossia la parola LUX : seguita dal valore intero in lux di luminosità scritta come titolo di tipo 1 e in grassetto (bold);

le funzioni setup() e loop() Stefano le ha commentate nello sketch.

Uso con lo smartphone

La scheda WeMos D1 mini viene usata in WiFi e crea un Access Point di nome “LUXMETRO” senza password, (ma se volete potete aggiungere una password).

Accendi il WiFi sul vostro smartphone e cerca, tra le reti wifi disponibili, quella il cui nome è “LUXMETRO”.

Connettiti, senza password, apri un browser e digita l’indirizzo 192.168.4.1 ( default creato dalla libreria ESP8266WebServer).

Ingrandisci la pagina, usando la funzione zoom, in quanto la pagina non è responsive html e non si adatta alla dimensione del display del tuo smartphone, e le scritte ti compaiono piccole nell’angolo in alto a sinistra.

Nota che non è implementato il refresh automatico della pagina web e quindi dovrai ricaricarla manualmente per leggere il valore aggiornato di illuminazione in lux.

Costruzione del Luxmetro WiFi WeMos D1

Procurati la scheda WeMos D1 mini, il display OLED Shield e un contenitore in ABS di dimensioni adeguate:

Wemos D1 mini + Oled + ABS case

Fonte: github di Stefano

Prendete una bassetta millefori e tagliatela su misura per inserirla perfettamente nel contenitore in ABS.

Procurati dei contatti a saldare pin strip maschio lunghi passo 2,54 mm ( 1 inch ):

Componenti Luximetro WeMos D1 Wifi OLED

Fonte: github di Stefano

Se usi dei pin lunghi come quelli utilizzati da Stefano potrai saldare con un unico strip di pin tutte le tre schede:

Luxmetro WiFi WeMos D1 assemby

Fonte: github di Stefano

Sul retro della basetta millefori salda quattro spezzoni di filo rigido di rame per collegare la scheda WeMos D1 mini al connettore pin strip femmina a quattro poli in cui andrà inserito il trasduttore di luminosità MAX44009:

Luxmetro WiFi WeMos D1 rear pcb

Fonte: github di Stefano

Nella scatoletta realizza i due fori in corrispondenza del connettore micro-usb della scheda WeMos D1 mini ed in corrispondenza del connettore a quattro poli riservato al trasduttore MAX44009:

Luxmetro WiFi WeMos D1 case in ABS

Fonte: github di Stefano

Inserisci il circito nella scatoletta e realizza una finestrella rettangolare nel suo coperchio in corrispondenza dello schermo OLED:

Luxmetro WiFi WeMos D1 ABS case & OLED

Fonte: github di Stefano

Chiudi ed inserisci il trasduttore. Collega al PC, trasferisci lo sketch alla WeMos D1 mini e fai il test con lo smartphone.

 

Luxmetro WiFi WeMos D1 start sketch

Fonte: github di Stefano

Puoi trovare lo sketch, le librerie e le foto del progetto Luxmetro WiFi WeMos D1 sul github di Stafano

Permalink link a questo articolo: http://www.mauroalfieri.it/elettronica/luxmetro-wifi-wemos-d1.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>