«

»

Gen 24

Stampa Articolo

BeetleBot all’italiana

Bruno è senza dubbio un ottimo Makers ed oggi ha voluto condividere con tutti noi il suo BeetleBot.

BeetleBot

Il progetto originale è stato pubblicato su numerosi tra cui :

entrambi siti noti ai makers di tutto il mondo.

Sul sito make digital puoi leggere l’articolo completo su come realizzare anche tu il progetto del BeetleBot passo passo con tanto di fotografie e schemi di collegamento.

Non fa uso di Arduino

No il BeetleBot è molto semplice usa come componenti elettronice solamente:

  • n.2 motori in dc
  • n.2 switch na/nc
  • n. 1 pila di tipo AA (1,5v)

è proprio la sua semplicità a renderlo interessante 🙂

Perché BeetleBot all’italiana

Perché la versione di Bruno presenta una personalizzazione rispetto alla versione originale:

La differenza con il mio BeetleBot è la dimensione delle batterie visto che ho usato delle AAA.
Il funzionamento si basa su quello che viene chiamato “terzo collegamento” che permette di usare solo 1,5 volt per volta.

Tramite questo collegamento, alla pressione dei deviatori, l’alimentazione sul relativo motore viene invertita. Per l’assemblaggio ho preferito non incollare nulla ma usare il biadesivo sia per fissare i deviatori che il supporto dei motori. In questo modo è più facile fare delle prove e riposizionare tutto al meglio.

L’uso di batterie più piccole ha reso un po’ instabile il robot per cui trovare l’equilibrio è stato un po’ macchinoso. Anche le antenne hanno un ruolo importante nell’equilibrio e nel funzionamento per cui bisogna lavorare un po’ su materiale e lunghezza.
Inizialmente ho usato un filo troppo lungo e sottile: flettendo non facevano scattare gli switch. Con un filo più spesso erano invece troppo pesanti e gli switch non funzionavano a dovere.

Infine, giocando con l’angolo dei motori e il diametro delle “ruote” (ho usato i pignoni forniti con i motori o termorestringente) è possibile variale la velocità del robot.

Lo schema di collegamento originale

I collegamenti del BeetleBot sono semplici, tuttavia date le dimensioni potrebbe essere difficile ricavarli dalle foto ed ecco lo schema che puoi seguire:

BeetleBot schema

per capire come saldare i contatti al motore puoi far riferimento a questa foto:

BeetleBot collegamenti

Lo schema di collegamento di Bruno

Bruno ha realizzato lo schema seguente per la sua versione di BeetleBot all’italiana, un unico appunto riguarda i due switch che nello schema sono indicati come micro-interruttori ma devi usare dei normali switch.

BeetleBot italiano di bruno

Qualche video del BeetleBot

Dal Web qualche video del BeetleBot:

Da Bruno il suo BeetleBot:

Buon divertimento 🙂

Permalink link a questo articolo: http://www.mauroalfieri.it/elettronica/beetlebot-alla-italiana.html

1 ping

  1. Rover 5 BT: primi passi - Mauro Alfieri Elettronica, Robotica e Domotica

    […] di comando o programmare un percorso da ripetere, “vibrisse” basate sulle antenne del BeetleBot per evitare di incastrare il rover in spazi troppo bassi, una pinza per afferrare […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>